mercoledì 6 marzo 2013

I brodetti e la selvaggina.

Nei ricettari medievali c'è sempre una buona scelta di ricette a base di selvaggina e, per qualche motivo che sfugge anche me, ero convinta che la cucina inglese del Forme of Cury ne fosse più ricca di altre...... Ho scoperto che mi sbagliavo e non di poco! Sfogliando il ricettario infatti mi sono resa conto che ce ne sono solamente cinque! Di cui una a base di fagiani o altri uccelli, due per la lepre e due per il cervo. La mia intenzione era quella di confrontare due preparazioni simili a base di cervo ma non le ho trovate. Perciò ho utilizzato la sola ricetta del Forme of cury a base di cervo che fosse riproducibile e l'ho comparata con quella che è diventata oramai un classico della mia cucina medievale: Il Civieri di selvaggina di Maestro Martino (questa volta realizzato con del cinghiale). Sono due ricette che, pur avendo alcuni punti in comune ( la frutta, l'uso delle stesse spezie, la presenza del vino e dell'aceto) sono profondamente diverse nei metodi di cottura e nel risultato finale. Provatele entrambe e fatemi sapere qual'è la vostra preferita!



ROO BROTH

Ingredienti

1 Kg di cervo
200 g di ribes
70 g di pane
½ litro di vino rosso
½ litro di acqua
2 cucchiai di aceto
½ cucchiaino di cannella
½ cucchiaino di macis
½ cucchiaino di zenzero
70 g di pane vecchio

Preparazione

Sbollentare la carne in acqua bollente. Mettere sul fuoco una pentola con l’acqua e il vino in parti uguali e, quando bolle, mettervi la carne di cervo a pezzi. Quando la carne è tenera aggiungere le spezie, il ribes e l’aceto. Togliere la carne dalla pentola e addensare il fondo di cottura con il pane.

Nessun commento:

Posta un commento