giovedì 30 gennaio 2014

Corso 2014, il Ménagier de Paris





Quest'anno, al corso di cucina medievale, abbiamo studiato le ricette del Ménagier de Paris, un testo davvero interessante e diverso da tutti i ricettari sino a qui analizzati. Sì perché il Ménagier prima che un ricettario è un manuale di economia domestica e, insieme, un trattato sulla morale e il comportamento femminile, decisamente un testo intrigante per chi, come me, ha dedicato una buona parte dei suoi studi universitari alla storia delle donne in epoca rinascimentale e dintorni.....
Sorvolando sul contesto e andando al sodo (alle ricette cioè) anche qui il manoscritto ha le sue peculiarità. Il Ménagier de Paris è un trattato organico e questo suo requisito si ritrova anche nella parte dedicata alle ricette, le quali sono divise per portata, un po' come il testo attribuito a Maestro Martino (ma il Ménagier è un mezzo secolo più antico)         ....... 
Le cose che però, secondo me, lo caratterizzano maggiormente sono: il modo in cui le ricette vengono spiegate, le indicazioni per scegliere e riconoscere i cibi da cucinare, per risparmiare sui costi e i tanti piccoli consigli spiccioli lasciati cadere qua e là, come per caso, in mezzo alle ricette.
Non sappiamo chi effettivamente abbia scritto questo libro, anche se le attribuzioni non sono mancate. Anche se sono conscia delle finzioni letterarie e degli éscamotage che si potevano adottare per pubblicare un testo, mi piace poter pensare che questo ricettario, che in buona parte è copiato da una delle varie edizioni del "Viandier de Taillevent", fosse stato effettivamente composto ad uso e consumo di una giovane e inesperta moglie di un borghese parigino.

Nessun commento:

Posta un commento