venerdì 4 aprile 2014

Le uova, un alimento versatile

Le uova da sempre sono cariche di significati simbolici, rappresentano la rinascita, la primavera, la vita. Vengono colorate con colori brillanti, regalate per amicizia e amore, sono da sempre un dono prezioso. Nell'alimentazione medievale vengono utilizzate moltissimo vuoi perché erano un alimento facilmente reperibile e di costo limitato, vuoi perché potevano essere usate in molte e diverse ricette golose.....
Dal Ménagier abbiamo tratto tre ricette, una dedicata alla primavera: l'Arboulastre; una dedicata alla cucina francese: l'omelette al formaggio; l'ultima dedicata al dolce: l'omlette fritta allo zucchero. 
L'arboulastre mi è sembrata particolarmente adatta a questo periodo, ricca di erbe aromatiche  è decisamente un piatto primaverile. Simile a molte altre ricette a base di uova ed erbe (l'Erbolat, la Torta d'erbe, la Torta del Ménagier, etc) dei ricettari medievali, si differenzia da queste per la presenza, tra gli ingredienti, delle violette che non avevo ancora mai incontrato. Potrei tranquillamente affermare che è una ricetta che ha riscosso un discreto successo nel corso dei secoli, infatti chi non conosce almeno una ricetta a base di uova ed erbe aromatiche, che è parte della sua tradizione familiare o della tradizione culinaria del luogo in cui vive, magari legati proprio alla primavera o alla Pasqua? Per le altre due ricette vi rimando al prossimo post, intanto gustatevi l'arboulastre.


Arboulastre

ingredienti


8 uova
Un mix di erbe aromatiche composte da: salvia, tanaceto, menta, prezzemolo, finocchietto, maggiorna e foglie di viola
Un mazzetto di spinaci
Un mazzetto di bietole
Un mazzetto di lattuga
150 g di parmigiano e/o grana grattugiato
2 cucchiaini di zenzero
Sale
Burro q.b.

Preparazione
Tritare finemente tutte le erbe aromatiche e le verdure dopo averle pulite e lavate in acqua.
Battere le uova, salarle aggiungere lo zenzero e tutte le erbe tagliate. Riscaldare il burro in una padella, versarvi qualche mestolo del composto di uova (la quantità dipende dal diametro della padella, non deve essere troppo spesso perché il composto è cotto solo su di un lato). Girare con un cucchiaio di legno fino a quando non inizia a cuocere sul fondo. Quando le uova sono quasi cotte ma ancora morbide versarvi sopra il formaggio e finire la cottura.




Nessun commento:

Posta un commento